Vai a sottomenu e altri contenuti

Presentazione

L'Unione dei Comuni del Guilcier è stata istituita il 24 gennaio 2008 quando a Ghilarza, i Sindaci dei Comuni di Abbasanta, Aidomaggiore, Boroneddu, Ghilarza, Norbello, Paulilatino, Sedilo, Soddì e Tadasuni, hanno sottoscritto l'Atto Costitutivo, convalidando la costituzione del nuovo ente con la Deliberazione dell'Assemblea dei Sindaci n.1 del 24/01/2008 e con la pubblicazione dello Statuto nel Buras n.15 del 19 maggio 2008.

Il Comune di Sedilo con deliberazione n.30 del 28/07/2010 ha aderito all'Unione del Guilcier e ne ha approvato lo Statuto con deliberazione consiliare n.55 del 29/12/2010. Con l'adesione del Comune di Sedilo l'Unione del Guilcier ha raggiunto l'ambito territoriale ottimale come definito dalla legge regione Sardegna n.12 del 2 agosto 2005.

Attualmente la Presidenza dell'Unione è affidata al Sindaco di Ghilarza Dott. Alessandro Defrassu, nominato all'unanimità con Deliberazione dell'Assemblea n.13 del 02/09/2016.

Il Guilcier è un'area geografica situata al centro dell'isola ed è, da secoli, crocevia di attività e commerci, comprende un altipiano basaltico e la sottostante pianura dove scorre il fiume Tirso e si trova l'invaso artificiale del Lago Omodeo. Il Guilcier raccoglie numerosi tesori archeologici, tra i quali ricordiamo per importanza il Nuraghe Losa di Abbasanta, la Chiesa di San Pietro di Zuri, la Torre Aragonese a Ghilarza, il complesso archeologico di Santa Cristina a Paulilatino, la foresta pietrificata a Soddì e la Chiesa dei Templari a Norbello. A Tadasuni è di notevole interesse il museo degli strumenti musicali e ad Aidomaggiore la chiesa di Santa Greca, da non dimenticare infine, a Sedilo la famosa 'Ardia' che si svolge in onore dei festeggiamenti di San Costantino i primi giorni di luglio.